Progetto

Informazioni sul progetto

ContESTO

L'Europa è nel mezzo di una delle più grande crisi dei rifugiati dalla seconda guerra mondiale. La migrazione di massa di persone principalmente dal Medio Oriente e Africa, e le tensioni derivanti da questa fusione di culture diverse, sta intaccando anche l'unità del continente e le relazioni tra le varie nazioni.

 Come esempio della situazione attuale possiamo prendere in esame gli oltre 4,5 milioni di migranti ospitati in Germania e considerarli, per un momento, come una nazione a sé stante. Questo paese fittizio avrebbe una popolazione paragonabile in dimensioni a quella dell'Irlanda, con una ricchezza media simile a quella dell’Ucraina. Il numero medio di anni di scolarizzazione della nazione sarebbe la metà del valore medio registrato nell’Unione Europea. Un quarto degli adulti di questa nazione sarebbe analfabeta; considerano solo i giovani (tra i 15 e i 24 anni) il tasso di analfabetismo sarebbe circa di 1 su 7. Meno del 40% della popolazione di questa nazione avrebbe finito l'istruzione secondaria; il tasso di persone con un livello di istruzione terziario sarebbe di circa il 20%. I migranti sono prevalentemente di sesso maschile e provengono per lo più da paesi dove le questioni di genere sono poco o nulla considerate, per quanto riguarda la parità di genere, nel rapporto “Forum Global Gender Gap report” la nostra nazione immaginaria si classificherebbe accanto a paesi come l'Arabia Saudita, l'Egitto o il Marocco. Lo sviluppo del potenziale umano sarebbe considerato appena sopra quello che l'UNDP (United Nations Development Programme) definisce come "basso sviluppo umano", mettendolo alla pari con Timor Est e Bangladesh (World Economic Forum).

La natura eterogenea della società europea continua ad espandersi a causa di processi di cambiamento causati da specifiche compensazioni nazionali Programmi che sostengono un aumento del numero di profughi e richiedenti asilo. Gruppi di apprendimento eterogenei all'interno degli Stati membri dall'istruzione scolastica fino al terzo livello sono sempre più caratterizzati da differenze in particolare in materia di background educativo; livello di istruzione scolastica completato; motivazione e volontà di imparare; programmi professionali di carriera; barriere linguistiche così come le differenze sociali e culturali. 

Se si devono raggiungere gli obiettivi di inclusione e integrazione per i rifugiati e i richiedenti asilo, esiste una vasta gamma di competenze personali, sociali, culturali e professionali che devono essere acquisite per l'integrazione con i paesi ospitanti, l'ingresso al Lavoro mercato e per raggiungere un impiego sostenibile. Le 8 competenze chiave stabilite dalla Commissione europea nel 2006 sono ancora estremamente pertinenti in tutta la società europea. Sono una linea di base immediata e identificabile per i migranti e i rifugiati sui quali gli educatori in tutta Europa devono concentrare i loro sforzi. Questo è, tuttavia, più facile a dirsi che a fare quando gli educatori a tutti i livelli sono di fronte a tali differenze linguistiche, sociali e culturali e barriere.

I formatori devono esaminare una vasta gamma di approcci didattici alternativi se vogliono costruire con successo il profilo di competenza chiave di queste comunità sfollate. In un contesto pedagogico, le antiche tecniche di narrazione, il dramma e la musica si sono sbiadite e sono state poste in secondo piano e raramente sono ora considerate appropriate tecniche di trasferimento delle conoscenze e di competenze chiave. La storia ci racconta di un'epoca diversa quando l'alfabetizzazione e la lingua erano per i pochi piuttosto che i molti. Quando la saggezza del saggio e la regola dei potenti erano trasmessi da storie, con teatri in rima e canti. Il progetto art4inc tenterà di portare queste tecniche uniche ed efficaci nell'età moderna per contribuire a superare le barriere linguistiche, sociali e culturali e a costruire competenze chiave tra i nostri rifugiati e ricerca di asilo. I passi specifici nello sviluppo del progetto art4inc comprendono: 1. un corso completo di formazione per formatori di adulti per sostenerli nell'uso di discipline artistiche come storytelling, dramma e musica per la formazione con gruppi eterogenei di studenti per costruire competenze chiave. 2. L'adattamento, la modifica e la produzione di una serie di risorse pedagogiche che utilizzano le diverse discipline artistiche per costruire competenze chiave per l'inclusione nel gruppo target dei rifugiati e dei richiedenti asilo e la presentazione di queste risorse in un toolkit digitale. 3. Fornire una piattaforma di e-learning multilingue per supportare l'apprendimento in ambienti dinamici on-line. 4. Elaborare un documento scientifico che indichi un quadro per tale formazione e formuli raccomandazioni chiave per gli sviluppi futuri. 

La storia dell'immigrazione e dell'integrazione in Europa non è stata un grande successo. I Rom hanno vissuto in Europa per centinaia di anni, ma rimangono ai margini della società. Più recentemente, gli immigrati arabi e turchi hanno lottato per integrare, spingendo Angela Merkel a sottolineare che "il multiculturalismo è completamente fallito". Senza un'agenda attiva e interventista per integrare questi nuovi migranti, finiremo con sottopopolazioni significative nei paesi europei, persone che vivono in società parallele sottoperformanti.

Upload progress